Per contattarci
Lettera Aperta – Ilaria Salis

Lonigo 31/01/2024

Buona parte dei mezzi d’informazione è evidentemente asservita alla narrazione della sinistra, così come è assodato il fatto che l’opinione pubblica in Italia sia tutt’oggi ostaggio dei vaneggiamenti imposti dall’egemonia culturale con echi da Soccorso Rosso.

Siamo avversi ad un certo livore forcaiolo, non auspichiamo misure carcerarie coercitive per nessuno e non proviamo appagamento alcuno nel vedere chicchessia alla sbarra da imputato incatenato mani e piedi, soprattutto se in assenza di prova certa di colpevolezza, tuttavia le immagini di Ilaria Salis ci faranno dormire comunque sonni tranquilli, ci sciocca molto di più il silenzio tombale generalizzato dinnanzi alle immagini dell’infame e vigliacca aggressione di cui è accusata.

Chi si dichiara nemico di un sistema, chi aggredisce fisicamente degli avversari paventando che “uccidere un fascista non è reato”, alle spalle, in forza di un numero maggiore e armati di martelli, dovrebbe essere pronto quantomeno ad assumersi le conseguenze della propria condotta se non con stoicismo, quantomeno con dignitoso silenzio, data l’abituale mancanza di coraggio nell’affrontare il nemico in maniera se non cavalleresca, almeno frontale.

Ma sappiamo benissimo che l’onore e la tenuta virile e decorosa non sono di casa per gli antifascisti autoproclamatisi antagonisti, di cui la stessa Salis è esponente. Quindi tutta la canea, con l’immancabile sostegno incondizionato e faziosissimo delle più svariate appendici del mainstream, si straccia le vesti frignando fastidiosamente.

Fermo restando che la colpevolezza della Salis sia tutta da provare riguardo l’attacco a suon di manganellate da parte di un gruppo composto da nove persone ai danni di una persona, ma da provare resta anche la sua innocenza.

Ci sono un paio di fattori che stridono particolarmente in questo racconto: il primo è che se la prognosi per il ragazzo aggredito è di soli 7 giorni, in effetti la condanna richiesta dall’accusa sembrerebbe esagerata anche considerando le aggravanti; il secondo punto è che se in 8/9 aggressori armati di martelli e manganelli estensibili di ferro riescono a cagionare una prognosi di soli sette giorni, forse è il caso che lascino stare l’antifascismo militante e si dedichino alla floricoltura.

Quello che ci lascia realmente esterrefatti è che nessuno abbia proferito parola sulla cruenta aggressione subita da quel povero tabaccaio, che a quanto pare in tempi di democrazia imperante, si era reso responsabile solamente di vestire bomber e pantaloni mimetici: ribadiamo a quanto pare, perché escludiamo che gli aggressori abbiano avuto prima una disquisizione politica con la loro vittima, quindi è un tentato omicidio aggravato dal concorso in più persone e con l’uso di armi non convenzionali, avvenuto sulla base di alcune supposizioni.

Tutto questo comunque avvenuto in un contesto in cui, con l’asticella delle aggressioni già alzata, sarebbe la terza aggressione sui generis con modus operandi in comune in poco meno di un anno.

Ci viene da ridere nel pensare che la nostra Associazione abbia subìto processi decennali sulla base di presunti atti di violenza mai dimostrati e che tutt’ora la macchina della disinformazione pubblica si attivi e si stracci le vesti dinnanzi a qualsiasi organizzazione di destra radicale, millantando azioni di violenza inaudita che pedissequamente non trovano attinenza alcuna nella realtà; qui esiste un video, chiaro e lampante in cui un povero cristo viene aggredito alle spalle da un’orda di vigliacchi, ma nessuno si scandalizza né se ne turba: ci si scandalizza per il nulla cosmico senza nessuna riprova, si tace dinnanzi all’evidenza… Questa è l’ipocrisia di madama democrazia!

D’altronde il cortocircuito della faziosità può, volendo, essere facilmente verificato semplicemente confrontando i resoconti dell’avvenuto con quelli non esattamente analoghi della stampa ungherese e tedesca.

In giro per il mondo ci sono italiani detenuti in carceri ben peggiori e per crimini minori rispetto al tentato omicidio aggravato, per cui non capiamo se tutto questo clamore per la vicenda sia dovuto solamente alla vicinanza ideologica dell’imputata con un certo mainstream televisivo e giornalaio, oppure se la si stia utilizzando come grimaldello per scardinare il governo di un paese sovrano democraticamente eletto;
dove la responsabilità sia al massimo da imputare, qualora vi fosse, alla magistratura ungherese piuttosto che a Viktor Orbán, con buona pace dei suoi detrattori.

Infine, vorremmo portare l’attenzione su come, con una certa continuità di comportamento, questi nobili cavalieri dell’ignominia portino avanti la tradizione mai sopita degli agguati alle spalle, forse colpire posteriormente con i martelli fa rima con spararci alle spalle perché di venir davanti hanno paura? Arduam posteris sententiam, sed in tempore malo…

Il portavoce

TAGS
Articoli correlati
Comunicati
Notizie
Marzo 19, 2024
Comunicato stampa

Lonigo 19/03/2024 Apprendiamo con sdegno la condanna emanata da una corte austriaca a NOVE ANNI DI RECLUSIONE in carcere nei confronti di Manuel Eder, militante politico nazionalista reo di essersi macchiato di una serie di crimini politici dalla gravità inaudita che spaziano dai testi musicali non conformi suonati dalla sua band, per arrivare addirittura alla […]

Comunicati
Marzo 16, 2024
Comunicato stampa

Lonigo 16 Marzo 2024 Nel corso degli ultimi anni abbiamo denunciato politicamente il sistema di gestione degli immigrati, quello dell’accoglienza, eterodiretto da una commistione di organi interessati a facilitare l’immigrazione di massa per ragioni di varia natura.Che sia per motivi ideologici o per sedicenti fini caritatevoli, spesso chi si ammanta di una retorica filantropica, dispensa […]

Comunicati
Notizie
Marzo 12, 2024
Comunicato stampa

Lonigo ,12 Marzo 2024 Come Associazione Culturale Veneto Fronte Skinheads siamo stati fra i primi a denunciare l’inaccettabile gestione da parte dei vari governi italiani dei flussi migratori clandestini che quotidianamente invadono la nostra nazione che hanno drammaticamente impoverito, sia dal punto di vista finanziario (tramite il famigerato e più volte denunciato “business dell’accoglienza”) che […]

Comunicati
Notizie
Febbraio 6, 2024
Comunicato Stampa

Lonigo, 06/02/2024 L’Associazione culturale Veneto Fronte Skinheads constata con un certo disgusto come esistano metri di misura differenti a seconda di chi si macchi di reati miserevoli: mesi e mesi di moralizzazione a mo’ di lavaggio del cervello contro il patriarcato in seguito all’omicidio della povera Giulia Cecchettin, cancellati con un colpo di spugna dinnanzi […]

Comunicati
Notizie
Gennaio 31, 2024
Lettera Aperta – Ilaria Salis

Lonigo 31/01/2024 Buona parte dei mezzi d’informazione è evidentemente asservita alla narrazione della sinistra, così come è assodato il fatto che l’opinione pubblica in Italia sia tutt’oggi ostaggio dei vaneggiamenti imposti dall’egemonia culturale con echi da Soccorso Rosso. Siamo avversi ad un certo livore forcaiolo, non auspichiamo misure carcerarie coercitive per nessuno e non proviamo […]

Comunicati
Notizie
Lettera Aperta – Ilaria Salis

Lonigo 31/01/2024 Buona parte dei mezzi d’informazione è evidentemente asservita alla narrazione della sinistra, così come è assodato il fatto che l’opinione pubblica in Italia sia tutt’oggi ostaggio dei vaneggiamenti imposti dall’egemonia culturale con echi da Soccorso Rosso. Siamo avversi ad un certo livore forcaiolo, non auspichiamo misure carcerarie coercitive per nessuno e non proviamo […]

Musica
Notizie
Volantini
PENSIERI INFEROCITI – Taiwan tra certezze ed incognite

Nella tornata elettorale per le presidenziali sull’isola di Taiwan, vince il favorito, il candidato del Partito Democratico Progressista, fautore dello status quo dell’isola; indipendenza de facto. Tuttavia, il futuro di Taiwan è legato tanto alla sua riqualificazione in ambito geopolitico, sia alle imminenti elezioni presidenziali statunitensi, che influenzeranno il futuro di questa “anomalia sistemica”.

Comunicati
Notizie
Novembre 23, 2023
Comunicato stampa

Lonigo, 22 novembre 2023 Apprendiamo con sgomento quanto accaduto lo scorso sabato notte a Crépol, paesino nel sud della Francia a una settantina di chilometri dalla più nota Grenoble: una 15ina di “risorse” (dis)umane provenienti dalle banlieu si sono presentati al tradizionale “ballo d’inverno” locale “per pugnalare i bianchi”…questa terminologia non è di nostra invenzione, […]

Comunicati
Notizie
Volantini
Luglio 1, 2023
Polveriera

Lonigo, 01/07/2023 polveriera[pol-ve-riè-ra] s.f.1 Ambiente adibito a deposito di esplosivi 2 fig. Situazione di imminente e grave pericolo: essere seduti su una p.; paese o zona dove esiste tale situazione, spec. bellica quando nel 2016, uscimmo con un volantino, volutamente provocatorio, titolato “Polveriera Europa”, ci fu chi accusò il nostro movimento di aver dato voce […]

Comunicati
Notizie
Febbraio 24, 2022
Comunicato Stampa : Russia/Ucraina

Lonigo, 24/02/2022 Assistiamo basiti gli eventi che hanno portato due nazioni, storicamente sorelle, nel baratro di una guerra potenzialmente devastante.I diversi, ma uguali, sistemi economici mondiali trovano modo di affrontarsi portando sul piano bellico quello che da anni ormai è un conflitto che va proponendosi in vari campi da gioco.

Ultimi contenuti
PENSIERI INFEROCITI- Inflazione tra superbonus e industria 4.0
Aprile 11, 2024

Ascolta “PENSIERI INFEROCITI – INFLAZIONE TRA SUPERBONUS E INDUSTRIA 4.0” su Spreaker.

PENSIERI INFEROCITI – Immobili e abitazioni nell’ era della follia GREEN
Marzo 27, 2024

Ascolta “PESNIERI INFEROCITI – IMMOBILI E ABITAZIONI NELL’ ERA DELLA FOLLIA GREEN” su Spreaker.

Comunicato stampa
Marzo 19, 2024

Lonigo 19/03/2024 Apprendiamo con sdegno la condanna emanata da una corte austriaca a NOVE ANNI DI RECLUSIONE in carcere nei confronti di Manuel Eder, militante politico nazionalista reo di essersi macchiato di una serie di crimini politici dalla gravità inaudita che spaziano dai testi musicali non conformi suonati dalla sua band, per arrivare addirittura alla […]

Comunicato stampa
Marzo 16, 2024

Lonigo 16 Marzo 2024 Nel corso degli ultimi anni abbiamo denunciato politicamente il sistema di gestione degli immigrati, quello dell’accoglienza, eterodiretto da una commistione di organi interessati a facilitare l’immigrazione di massa per ragioni di varia natura.Che sia per motivi ideologici o per sedicenti fini caritatevoli, spesso chi si ammanta di una retorica filantropica, dispensa […]

Comunicato stampa
Marzo 12, 2024

Lonigo ,12 Marzo 2024 Come Associazione Culturale Veneto Fronte Skinheads siamo stati fra i primi a denunciare l’inaccettabile gestione da parte dei vari governi italiani dei flussi migratori clandestini che quotidianamente invadono la nostra nazione che hanno drammaticamente impoverito, sia dal punto di vista finanziario (tramite il famigerato e più volte denunciato “business dell’accoglienza”) che […]

PENSIERI INFEROCITI – L’assenza dell’Europa nel suo estero vicino
Febbraio 28, 2024

Una breve panoramica proposta in pochi minuti, su quello che non è in grado di compiere l’Europa, nello spazio strategico che gli sarebbe proprio. Tanto i conflitti in corso, quanto le passate sedicenti “Primavere Arabe”, dimostrano come l’Unione Europea non sia in grado di avere una proiezione strategica e geopolitica incisiva, a garanzia dei propri […]

PENSIERI INFEROCITI- Le proteste degli agricoltori
Febbraio 15, 2024

Ascolta “PENSIERI INFEROCITI – LE PROTESTE DGLI AGRICOLTORI IN BREVE” su Spreaker.

Comunicato Stampa
Febbraio 6, 2024

Lonigo, 06/02/2024 L’Associazione culturale Veneto Fronte Skinheads constata con un certo disgusto come esistano metri di misura differenti a seconda di chi si macchi di reati miserevoli: mesi e mesi di moralizzazione a mo’ di lavaggio del cervello contro il patriarcato in seguito all’omicidio della povera Giulia Cecchettin, cancellati con un colpo di spugna dinnanzi […]

Lettera Aperta – Ilaria Salis
Gennaio 31, 2024

Lonigo 31/01/2024 Buona parte dei mezzi d’informazione è evidentemente asservita alla narrazione della sinistra, così come è assodato il fatto che l’opinione pubblica in Italia sia tutt’oggi ostaggio dei vaneggiamenti imposti dall’egemonia culturale con echi da Soccorso Rosso. Siamo avversi ad un certo livore forcaiolo, non auspichiamo misure carcerarie coercitive per nessuno e non proviamo […]

PENSIERI INFEROCITI – Taiwan tra certezze ed incognite

Nella tornata elettorale per le presidenziali sull’isola di Taiwan, vince il favorito, il candidato del Partito Democratico Progressista, fautore dello status quo dell’isola; indipendenza de facto. Tuttavia, il futuro di Taiwan è legato tanto alla sua riqualificazione in ambito geopolitico, sia alle imminenti elezioni presidenziali statunitensi, che influenzeranno il futuro di questa “anomalia sistemica”.