Video messaggio

Lonigo, 30 Marzo 2020

Si prospettano tempi difficili per la Patria. Dal caos emergono prospettive allarmanti.

Attenzione! Questi governanti vogliono mettere il nostro futuro in mani scellerate!

Ecco il nostro breve punto di vista a riguardo.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
IMPORTANT – Defend Europe 2020

EVENTO POSTICIPATO – EVENT POSTPONED

 

Data la complicata situazione sanitaria in Italia e in Europa, i numerosi voli cancellati e i rischi di potenziali ulteriori contagi, nonché le conseguenti numerose difficoltà logistiche, l’Associazione culturale Veneto Fronte Skinheads comunica che l’evento Defend Europe verrà posticipato a data da destinarsi.

Questa sofferta decisione arriva dopo attente valutazioni, non per isterismo da psicosi, ma per senso di responsabilità nei confronti della nostra gente, per impedire inutili ulteriori occasioni di contagio e per le troppe difficoltà che incontrerebbe chi volesse raggiungere le nostre terre.

Anche se non sappiamo se questa ordinanza verrà prorogata oltre il 3 aprile, in tutta coscienza e nel rispetto di coloro che avrebbero voluto partecipare all’evento, non possiamo tenerli ulteriormente nell’incertezza.

Certi della vostra comprensione, vi aspettiamo comunque al futuro Defend Europe, per una festa ancora più grande, dove brinderemo anche alla sconfitta di questi virus d’importazione che cercano di scalfire la nostra granitica EUROPA!

 

Given the complicated health situation in Italy and Europe, the numerous canceled flights and the risks of potential further contagions, as well as the consequent numerous logistical difficulties, the Veneto Fronte Skinheads Cultural Association announces that the Defend Europe event will be postponed to a later date.

This painful decision comes after careful evaluations, not out of hysteria from psychosis, but out of a sense of responsibility towards our people, to prevent useless further opportunities for contagion and for the too many difficulties that those who want to reach our lands would encounter.

Even if we do not know if this ordinance will be extended beyond April 3, in full conscience and in respect of those who would have liked to participate in the event, we cannot further keep them in uncertainty.

We are sure of your understanding, however, we look forward to seeing you at the future Defend Europe, for an even bigger party, where we will also toast the defeat of these imported viruses that try to scratch our granitic EUROPE!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Comunicato Stampa

Lonigo, 23 Gennaio 2020

È di questi giorni la notizia dell’ulteriore misura repressiva (nello specifico un Daspo emesso dalla questura di Verona) nei confronti del dirigente nazionale di Forza Nuova Luca Castellini.

L’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads vuole, nell’occasione, esprimere la propria solidarietà nei confronti di Castellini e focalizzare l’attenzione sull’avanzata ormai irrazionale di uno schema di “politicamente corretto” che, ogni giorno di più, diventa occasione stringente verso l’espressione del proprio pensiero.

In uno scenario schizofrenico in cui persino le parole sono soggette a “patenti di democrazia” ed in cui persino citare letteralmente la presunta “vittima” può essere elevato ad incommensurabile atto di sopraffazione, non possiamo esimerci dall’esprimere vicinanza a chi viene coinvolto in tali vicende che, spesso, hanno risvolti giudiziari ed umani molto gravi.

In conclusione lanciamo un’ ipotesi ed un consiglio di sopravvivenza per il mondo che ci aspetta : attenzione a come parlate, attenzione a ciò che dite ma soprattutto..attenzione a ciò che pensate.

Scomodamente

Il portavoce

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Lettera aperta : USA – Iran

Click here for english translation

Lonigo, 9 Gennaio 2020

Venti di guerra. O forse no.
Vorremmo iniziare questa analisi innanzitutto dicendo che è stato ucciso un guerriero, ucciso dalle armi vigliacche e “democratiche” degli Stati Uniti d’America.
Il generale Suleimani, comandante delle Guardie della Rivoluzione Iraniana, era un militare che le guerre le ha sempre combattute di persona.
Quasi una figura mistica nella repubblica islamica dell’Iran, è stato per anni condottiero delle operazioni militari iraniane come quelle a sostegno di Assad nella martoriata Siria, nelle azioni a contrasto dell’ISIS nelle zone di confine tra Iraq e Siria che ne hanno sostanzialmente decretato la sconfitta militare.
Quando cade un grande condottiero esso va onorato come tale, e come tale gli va mostrato l’onore delle armi. Quell’onore che le armi automatiche che lo hanno ucciso non possiedono ma che non potranno mai portargli via.

(altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Lettera aperta : USA – Iran – English translation

Qui la versione in Italiano

Lonigo, 9 January 2020

Winds of war? Maybe or maybe not.
Let’s start this political analisys saying that a warrior has been killed. Cowardly killed by american “democratic” weapons.
Commander general Suleimani, leader of Islamic Revolutionary Guards, was a soldier that fought many wars always in the front line personally.
Almost a mystical figure in Islamic Republic of Iran, he was for years field commander of iranian military operations like that in support of Assad’s faction in the syrian conflict or against the Islamic State on the border between Syria and Iraq, operation that ,substantially, defeated the ISIS force in the zone.
When a great leader falls,he deserves honors and tributes, and that is what we do.
(altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Comunicato stampa

Lonigo, 13 novembre 2019

Ieri (nel 2019!!) in quel di Mantova, condita dalla solita retorica stucchevole, si è in qualche modo inaugurata la sezione ANPI della CGIL Mantovana.
Tralasciando il fatto dell’ utilità di questa organizzazione in seno al sindacato – forse serve a raggruppare le persone ultranovantenni che fecero la guerra e che sono ancora oggi costrette a lavorare a causa proprio delle scelte scellerate del sindacato stesso – vorremmo far notare come è proprio di questo che stiamo parlando quando si tratta di sindacati : mentre nel polo industriale mantovano in 10 anni hanno chiuso 130 aziende del settore tessile, con migliaia di posti di lavoro perduti ed attualmente imprese come Corneliani e Pro-gest hanno annunciato rispettivamente 130
licenziamenti e 25 contratti a termine non rinnovati , le forze e le risorse del sindacato vengono utilizzate per questo genere di iniziative propagandistiche al fine di combattere il “fascismo risorgente”.

Tutto questo ci sembra far riferimento al solito tentativo di compattare la sinistra, oggi più che mai divisa e fragile, la quale deve affrontare una tornata elettorale (le regionali in varie parti d’Italia, ma forse anche elezioni anticipate nazionali) e che, priva di argomenti ,compreso quello sindacale, ed inserita all’ interno di una coalizione inesistente, comincia ad utilizzare, come al solito, queste “attività collaterali” per arrogarsi il diritto di rilasciare patenti di democrazia.
Dulcis in fundo, come giustificazione per tutto il suddetto repertorio di ampollose dichiarazioni , si tira in ballo la nostra associazione quale veicolo di fantomatici “attacchi” che minano la democrazia italiana .
Noi rispondiamo che i suddetti “attacchi” (striscioni, volantini e comunicati stampa) , oltre che celebrare delle figure storiche come quella di Filippo Corridoni (sindacalista di trincea, che guarda caso non trova mai spazio tra le figure storiche di riferimento sindacali), ponevano delle domande ben precise al sindacato ed ai suoi vertici: domande per le quali siamo ancora in attesa di risposta.
Inoltre questo tipo di miscuglio di parole (fascismo, resistenza, attacchi) si sposa alla perfezione con la fabbrica di notizie false e tendenziose (oggi si direbbe fake news) : evita, volutamente, di entrare nei dettagli, e lascia sottintendere che ci sia stato un “attacco violento che mina le basi della tolleranza” nei loro confronti, cosa che forse è avvenuta nei loro sogni di vittimismo frustrato.

Concludendo, quando succedono queste cose e veniamo tirati in ballo, ci viene in mente una
scena di uno dei film della serie “Don Camillo”: Peppone, eletto onorevole, dorme bellamente in
parlamento mentre attorno a lui si scatena un qualche tipo di bagarre politica.
Lo stesso Peppone, svegliato dal frastuono e non avendo idea di cosa si stesse parlando in quel
momento, come un ossesso cominciò a gridare : “Fascisti!!!!!!”.
Ecco la situazione più o meno è questa : il sindacato dorme, i lavoratori sono in fermento e quando il sindacato si sveglia, lo fa solo per dare la caccia alle streghe.
Scomodamente

il portavoce

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Piccola dimostrazione

 

Tralasciamo le sterili polemiche e allarmismi che hanno solo lo scopo di distogliere l’attenzione dal contenuto del nostro comunicato al quale non abbiamo ricevuto nessuna risposta sensata, ecco una piccola dimostrazione delle “falsità” che abbiamo sostenuto.

Il portavoce

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Istruzioni per l’uso

Ci risiamo. Eccoci nuovamente a dover scrivere “istruzioni per l’uso” rivolte a chi nelle nostre azioni vede, rivede e stravede i soliti fantasmi, le solite fantasie, i soliti sogni di attacchi ed intimidazioni.
A questi signori, che faticano a capire il senso delle cose (e anche delle date storiche, visto che collocano la figura di Corridoni nel quadro di presunti periodi antidemocratici anche se morì nel 1915 ), proviamo quindi a spiegarne il significato.
Gli striscioni e lo scritto da noi firmati NON sono un attacco o un’intimidazione. Il richiamo ad una figura storica come Corridoni, è innanzitutto una celebrazione di un grande esempio ed in secondo luogo casomai una difesa di quelli che furono gli ideali sindacali e nazionali delle origini che in quella stessa figura trovarono una sintesi perfetta.
Voler leggere in questo un attacco è proprio di personaggi che vivono intrappolati nella dicotomia degli opposti e in un’ ottica padronale del lavoro. Non si può ridurre la difesa dei lavoratori solo ad esternazioni di “rigurgito” , si tradisce in questo modo la missione stessa del sindacato: far evolvere i lavoratori fino ad essere artefici del proprio destino. Una forza lavoro che, padrona del proprio futuro e partecipe ai mezzi di produzione, deve essere tra le protagoniste dell’ economia nell’ Europa che abbiamo in mente.
Questa è una spinta veramente rivoluzionaria per il mondo del lavoro, gli apparati elefantiaci, burocratici ed autoreferenziali degli odierni sindacati sono ,sinceramente, quanto di più “conservatore” ci viene in mente.

Ferocemente

Il portavoce

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
IERI SINDACALISMO DI TRINCEA, OGGI PRIVILEGI SENZA IDEA !

crema

Lonigo, 23 Ottobre 2019

L’Associazione culturale Veneto Fronte Skinheads intende rivendicare con questo comunicato gli striscioni affissi sulle sedi dei sindacati CGIL e CISL la notte del 23 Ottobre, in concomitanza con il 104° anniversario del sacrificio supremo di Filippo Corridoni.
Una figura, quella del sindacalista rivoluzionario, che mai più di oggi può essere d’esempio e fungere da faro nel buio della giustizia sociale e sindacale italiana.
La creazione di un’ala rivoluzionaria, in contrasto al lassismo politico da poltrona dei primi del ‘900, si sposa perfettamente ed in modo quasi profetico con la situazione attuale del nostro paese, nel quale le sigle sindacali storiche rappresentano solamente uno dei tentacoli del sistema partitico italiano.
Il sindacalismo rivoluzionario : un ideale nato nell’azione e confluito in un patriottismo puro, dedito al sacrificio del singolo per la comunità.
Valori diametralmente opposti all’odierno sistema sindacale che oramai rappresenta nient’altro che una poltrona comoda, un trampolino di lancio alla politica o uno scudo in difesa di quei partiti, sinergici al sistema, che, proprio il sindacalismo, dovrebbe contrastare a favore delle masse lavoratrici, sempre più distanti da essi.
Sindacalismo odierno che si pasce beatamente dei propri privilegi, ottenuti come merce di scambio per l’approvazione di leggi mercantili in cui, in cambio del via libera per lo snaturamento del mondo del lavoro e della creazione di un tessuto di precariato sociale, si è ottenuto un perfetto escamotage per garantire pensioni d’oro a sindacalisti imborghesiti, vedasi legge Treu 564/1996, dello stesso autore del pacchetto Treu, che disciplina il lavoro “atipico”.

Egli stesso la definì “una legge venuta male” e nonostante ciò è tuttora in vigore.

In questo quadro la figura di Corridoni viene volutamente gettata nell’oblio e nell’anonimato da chi dovrebbe essere portavoce di quelle battaglie, ormai abbandonate a favore di una globalizzazione capitalista ben più remunerativa.
Un eroe italiano che idealmente ed in modo trasversale diede la spinta ad una nuova concezione di nazione e lavoro gettando le basi per le future esperienze della gioventù nazionale in lotta.
Lotta che assunse varie forme : dalle imprese legionarie fiumane alle rivoluzioni nazionali del primo novecento passando per tutte quelle forme economiche di gestione del lavoro che ancora oggi costituiscono l’unica alternativa percorribile al nefasto duopolio capitalismo/marxismo.
Un martire dell’Idea che attraverso il sacrificio scrisse parte della storia di questo paese e per questo non va dimenticato!

Ferocemente

Il portavoce

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Comunicato stampa

011.verona

COMUNICATO STAMPA

Lonigo, 12 settembre 2019 

L’Associazione culturale Veneto Fronte Skinheads vuole, con l’azione svolta nella notte tra l’11 e il 12 Settembre in molte città del nord Italia, ricordare il centenario dell’impresa fiumana.
Era il 12 settembre 1919 quando Gabriele D’annunzio in testa a quasi tremila Legionari occupò Fiume per i successivi sedici mesi, in sfregio a coloro che non consentirono l’annessione al Regno d’Italia della Dalmazia e appunto della città adriatica in seguito a quanto concordato col Patto di Londra e in virtù di quei 29000 italiani che la abitavano, su una popolazione complessiva composta da 46000 unità.
Città di confine, ma italianissima di fatto; tant’è che già nell’ottobre del ’18 si costituì un Consiglio nazionale che propugnava l’annessione della “città olocausta” alla madrepatria.
La servile politica anti nazionale dell’allora governo Nitti, accomodante nel compiacere gli interessi della Società delle Nazioni che non collimavano con quelli d’Italia, si imbatté con la risolutezza del Vate che, in barba ai governanti della pavida italietta liberale, si fece beffa di questi, mettendo in atto una spedizione patriottica tra le più nobili, poetiche e coraggiose della storia del nostro Paese.
Cento anni dopo onoriamo coloro che strafottendosene dei vari rischi e di ciò che la legalità allora imponeva, furono avanguardia eroica, artistica e scanzonata; in ossequio a quella Vittoria che non poteva né doveva esser mutilata.
Noi, da nazionalisti europei e patrioti italiani, non possiamo che ricordare con orgoglio e ammirazione le gesta di chi al conformismo interessato antepose il coraggio, l’amor patrio e il bene dell’Italia nella sua integrità territoriale. 
 

Ferocemente  

 
 
 
 
 
 
 
 
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Associazione Culturale Veneto Fronte Skinheads
- C.P. 12 36045 Lonigo (VI) vfs@libero.it