Per contattarci
Lettera aperta : USA – Iran

Click here for english translation

Lonigo, 9 Gennaio 2020

Venti di guerra. O forse no.
Vorremmo iniziare questa analisi innanzitutto dicendo che è stato ucciso un guerriero, ucciso dalle armi vigliacche e “democratiche” degli Stati Uniti d’America.
Il generale Suleimani, comandante delle Guardie della Rivoluzione Iraniana, era un militare che le guerre le ha sempre combattute di persona.
Quasi una figura mistica nella repubblica islamica dell’Iran, è stato per anni condottiero delle operazioni militari iraniane come quelle a sostegno di Assad nella martoriata Siria, nelle azioni a contrasto dell’ISIS nelle zone di confine tra Iraq e Siria che ne hanno sostanzialmente decretato la sconfitta militare.
Quando cade un grande condottiero esso va onorato come tale, e come tale gli va mostrato l’onore delle armi. Quell’onore che le armi automatiche che lo hanno ucciso non possiedono ma che non potranno mai portargli via.


La situazione che si è generata in conseguenza a questo assassinio mirato, alla luce sia del “contrattacco” iraniano sia delle parole di Trump arrivate in serata, sembra riportare nei ranghi tutte le esternazioni minacciose arrivate negli ultimi giorni da ambo le parti.
Ma è poi giusto definire questo attrito come un duello che vede impegnati solamente Stati Uniti ed Iran in una “singolar tenzone”?
La situazione mediorientale sono anni ormai che non può essere analizzata secondo i vecchi schemi “da guerra fredda”.
Numerosi attori, in una logica multipolare (o meglio globalmente unipolare, ma regionalmente multipolare), si ritagliano il proprio spazio, da manipolati o da manipolatori.
In primis gli americani, che dal canto loro proseguono ininterrottamente con gli usuali atti criminali di aggressione, indipendentemente dal colore politico delle amministrazioni che a Washington si avvicendano da decenni. Queste aggressioni hanno diversi scopi, sia di politica interna che di politica estera: in prima battuta l’amministrazione Trump, ad un anno dalle elezioni americane, è ancora alla ricerca della “grande vittoria militare”, come lo fu l’uccisione di Bin Laden per quella Obama o la cattura di Saddam Hussein per la precedente; vittoria che servirebbe anche per disimpegnarsi dalla procedura di impeachment presidenziale in corso che, benché lunga e di probabile fallimento, potrebbe portare ad una non riconferma dell’attuale amministrazione (sebbene la apparente pochezza degli avversari lasci al momento ancora ampi margini di durata). A tal proposito, alcuni esponenti “trasversali” della politica americana (tipo Joe Lieberman, ex senatore USA) stanno già facendo appello all’opposizione per mostrare un sostegno incondizionato al Presidente.
In secondo luogo a settembre un attacco partito dallo Yemen ai pozzi di petrolio sauditi – da sempre fornitori privilegiati per gli Stati Uniti – ha reso i pozzi iracheni strategicamente rilevanti e ha probabilmente determinato l’alzarsi della tensione nella zona (si noti che entrambi gli episodi di guerra non sono avvenuti nei territori nazionali dei contendenti ma nel già martoriato Iraq) e può giustificare un rafforzamento delle forze americane sul campo (già sulla via dello stanziamento ulteriori 3500 uomini).
Poco più in là, la situazione siriana ha portato la creazione di un quadro in cui, oltre al legittimo governo siriano, giocano bellamente le loro partite potenze emergenti come la Turchia, potenze militari come la Russia, milizie islamiche come i rimasugli dell’ISIS, tutti impegnati in una miriade di conflitti locali (Kurdistan, Nord della Siria, etc.) che paiono destinati a durare ancora a lungo, quindi una presenza rafforzata degli Stati Uniti in zona può fungere da ago della bilancia per l’evolversi delle varie situazioni locali.
Tutte queste sfaccettature delineano scenari non nuovi, in cui arbitrariamente il bullo americano delinea lo “Stato canaglia” di turno, lo aggredisce e lo riporta all’età della pietra, calpestando popoli, tradizioni e culture, azzerando tutto sotto la bandiera a “dollari e strisce”.

Scenario che ovviamente, come numerose volte in passato, ci vede assolutamente in opposizione all’aggressione americana ed al fianco delle nazioni illegittimamente private della sovranità.
Tuttavia va detto che l’Iran, che per alcune scelte di politica estera, nonché per la sua storia, merita sicuramente dei plausi, nell’attuale scenario mondiale spesso ha giocato su più tavoli intessendo proprio con i suoi più grandi nemici relazioni e trattative che spesso vanno a scapito di cause nobili e condivisibili, ad esempio quella nazionale palestinese.
Per questo motivo pensiamo che tutta l’operazione di contrattacco faccia il paio con quella d’attacco, come una grande, immensa e sanguinaria operazione di propaganda.
Lo smorzarsi dei toni in queste ultime ore, confermato immediatamente dai mercati petroliferi, da forse adito proprio a questo sospetto.
Infine facciamo notare che, come in tutto quello che abbiamo descritto, manca qualsiasi riferimento al coinvolgimento, anche solo marginale, dell’Europa.
Riteniamo gravissimo ed intollerabile come gli Stati europei, privi di una qualsivoglia velleità politica unitaria, e possessori di una propria forza militare inesistente (anche se potenzialmente assai rilevante) non siano presenti nello scenario per difendere i propri interessi (questo scenario di nuove sanzioni all’Iran imposto immediatamente da Trump di fatto annulla qualsiasi barlume di accordo sia con la Russia che con l’Europa).
L’Europa viene spinta ulteriormente ai margini della politica mondiale.
Incapace di darsi un ordinamento politico e militare, incapace di perseguire quel sovranismo continentale che la storia le riserva, l’Europa si barcamena, con diplomazia da operetta, nel provare a derimere la situazione libica, passata colpevolmente in secondo piano, mentre le logiche sopra descritte la escludono dallo scacchiere globale. La strada per uscire dalla storia è tristemente ben avviata…

Il portavoce

TAGS
Articoli correlati
Comunicati
Musica
Video
Febbraio 28, 2024
PENSIERI INFEROCITI – L’assenza dell’Europa nel suo estero vicino

Una breve panoramica proposta in pochi minuti, su quello che non è in grado di compiere l’Europa, nello spazio strategico che gli sarebbe proprio. Tanto i conflitti in corso, quanto le passate sedicenti “Primavere Arabe”, dimostrano come l’Unione Europea non sia in grado di avere una proiezione strategica e geopolitica incisiva, a garanzia dei propri […]

Musica
Notizie
Volantini
Gennaio 31, 2024
PENSIERI INFEROCITI – Taiwan tra certezze ed incognite

Nella tornata elettorale per le presidenziali sull’isola di Taiwan, vince il favorito, il candidato del Partito Democratico Progressista, fautore dello status quo dell’isola; indipendenza de facto. Tuttavia, il futuro di Taiwan è legato tanto alla sua riqualificazione in ambito geopolitico, sia alle imminenti elezioni presidenziali statunitensi, che influenzeranno il futuro di questa “anomalia sistemica”.

Comunicati
Musica
Notizie
Novembre 24, 2021
Pensieri inferociti – Quinta Puntata

Quinta puntata di pensieri inferociti in collaborazione con Radio Kultura Europa. La crisi lungo il confine tra Bielorussia e Polonia

Comunicati
Notizie
Novembre 18, 2021
LETTERA APERTA SULLA CRISI LUNGO IL CONFINE BIELORUSSO POLACCO

Nelle ultime settimane si sono riversati lungo il confine tra Bielorussia e Polonia migliaia di immigrati provenienti principalmente dal Medio Oriente che cercano di sfondare i recinti di frontiera per accedere al territorio sotto l’egida UE.

Musica
Notizie
Pensieri Inferociti – Quarta puntata

Quarta puntata di “Pensieri Inferociti” , rubrica del VFS in collaborazione con “Radio Kultura Europa” – COP26. L’UOMO, L’AMBIENTE E LA NATURA

Comunicati
Notizie
Gennaio 31, 2024
Lettera Aperta – Ilaria Salis

Lonigo 31/01/2024 Buona parte dei mezzi d’informazione è evidentemente asservita alla narrazione della sinistra, così come è assodato il fatto che l’opinione pubblica in Italia sia tutt’oggi ostaggio dei vaneggiamenti imposti dall’egemonia culturale con echi da Soccorso Rosso.

Musica
Notizie
Volantini
PENSIERI INFEROCITI – Taiwan tra certezze ed incognite

Nella tornata elettorale per le presidenziali sull’isola di Taiwan, vince il favorito, il candidato del Partito Democratico Progressista, fautore dello status quo dell’isola; indipendenza de facto. Tuttavia, il futuro di Taiwan è legato tanto alla sua riqualificazione in ambito geopolitico, sia alle imminenti elezioni presidenziali statunitensi, che influenzeranno il futuro di questa “anomalia sistemica”.

Comunicati
Notizie
Novembre 23, 2023
Comunicato stampa

Lonigo, 22 novembre 2023 Apprendiamo con sgomento quanto accaduto lo scorso sabato notte a Crépol, paesino nel sud della Francia a una settantina di chilometri dalla più nota Grenoble: una 15ina di “risorse” (dis)umane provenienti dalle banlieu si sono presentati al tradizionale “ballo d’inverno” locale “per pugnalare i bianchi”…questa terminologia non è di nostra invenzione, […]

Comunicati
Notizie
Volantini
Luglio 1, 2023
Polveriera

Lonigo, 01/07/2023 polveriera[pol-ve-riè-ra] s.f.1 Ambiente adibito a deposito di esplosivi 2 fig. Situazione di imminente e grave pericolo: essere seduti su una p.; paese o zona dove esiste tale situazione, spec. bellica quando nel 2016, uscimmo con un volantino, volutamente provocatorio, titolato “Polveriera Europa”, ci fu chi accusò il nostro movimento di aver dato voce […]

Comunicati
Notizie
Febbraio 24, 2022
Comunicato Stampa : Russia/Ucraina

Lonigo, 24/02/2022 Assistiamo basiti gli eventi che hanno portato due nazioni, storicamente sorelle, nel baratro di una guerra potenzialmente devastante.I diversi, ma uguali, sistemi economici mondiali trovano modo di affrontarsi portando sul piano bellico quello che da anni ormai è un conflitto che va proponendosi in vari campi da gioco.

Ultimi contenuti
PENSIERI INFEROCITI- Inflazione tra superbonus e industria 4.0
Aprile 11, 2024

Ascolta “PENSIERI INFEROCITI – INFLAZIONE TRA SUPERBONUS E INDUSTRIA 4.0” su Spreaker.

PENSIERI INFEROCITI – Immobili e abitazioni nell’ era della follia GREEN
Marzo 27, 2024

Ascolta “PESNIERI INFEROCITI – IMMOBILI E ABITAZIONI NELL’ ERA DELLA FOLLIA GREEN” su Spreaker.

Comunicato stampa
Marzo 19, 2024

Lonigo 19/03/2024 Apprendiamo con sdegno la condanna emanata da una corte austriaca a NOVE ANNI DI RECLUSIONE in carcere nei confronti di Manuel Eder, militante politico nazionalista reo di essersi macchiato di una serie di crimini politici dalla gravità inaudita che spaziano dai testi musicali non conformi suonati dalla sua band, per arrivare addirittura alla […]

Comunicato stampa
Marzo 16, 2024

Lonigo 16 Marzo 2024 Nel corso degli ultimi anni abbiamo denunciato politicamente il sistema di gestione degli immigrati, quello dell’accoglienza, eterodiretto da una commistione di organi interessati a facilitare l’immigrazione di massa per ragioni di varia natura.Che sia per motivi ideologici o per sedicenti fini caritatevoli, spesso chi si ammanta di una retorica filantropica, dispensa […]

Comunicato stampa
Marzo 12, 2024

Lonigo ,12 Marzo 2024 Come Associazione Culturale Veneto Fronte Skinheads siamo stati fra i primi a denunciare l’inaccettabile gestione da parte dei vari governi italiani dei flussi migratori clandestini che quotidianamente invadono la nostra nazione che hanno drammaticamente impoverito, sia dal punto di vista finanziario (tramite il famigerato e più volte denunciato “business dell’accoglienza”) che […]

PENSIERI INFEROCITI – L’assenza dell’Europa nel suo estero vicino
Febbraio 28, 2024

Una breve panoramica proposta in pochi minuti, su quello che non è in grado di compiere l’Europa, nello spazio strategico che gli sarebbe proprio. Tanto i conflitti in corso, quanto le passate sedicenti “Primavere Arabe”, dimostrano come l’Unione Europea non sia in grado di avere una proiezione strategica e geopolitica incisiva, a garanzia dei propri […]

PENSIERI INFEROCITI- Le proteste degli agricoltori
Febbraio 15, 2024

Ascolta “PENSIERI INFEROCITI – LE PROTESTE DGLI AGRICOLTORI IN BREVE” su Spreaker.

Comunicato Stampa
Febbraio 6, 2024

Lonigo, 06/02/2024 L’Associazione culturale Veneto Fronte Skinheads constata con un certo disgusto come esistano metri di misura differenti a seconda di chi si macchi di reati miserevoli: mesi e mesi di moralizzazione a mo’ di lavaggio del cervello contro il patriarcato in seguito all’omicidio della povera Giulia Cecchettin, cancellati con un colpo di spugna dinnanzi […]

Lettera Aperta – Ilaria Salis
Gennaio 31, 2024

Lonigo 31/01/2024 Buona parte dei mezzi d’informazione è evidentemente asservita alla narrazione della sinistra, così come è assodato il fatto che l’opinione pubblica in Italia sia tutt’oggi ostaggio dei vaneggiamenti imposti dall’egemonia culturale con echi da Soccorso Rosso.

PENSIERI INFEROCITI – Taiwan tra certezze ed incognite

Nella tornata elettorale per le presidenziali sull’isola di Taiwan, vince il favorito, il candidato del Partito Democratico Progressista, fautore dello status quo dell’isola; indipendenza de facto. Tuttavia, il futuro di Taiwan è legato tanto alla sua riqualificazione in ambito geopolitico, sia alle imminenti elezioni presidenziali statunitensi, che influenzeranno il futuro di questa “anomalia sistemica”.