Save the Children? Save the business!

Save the children? Save the business!

Con questo comunicato l’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads rivendica l’affissione dello striscione comparso davanti alla sede di Save the Children a Milano.
Questa vera e propria multinazionale della filantropia rientra pienamente nei canoni di quelle organizzazioni “sospette” : maggiore firmataria del famigerato “codice di condotta” del governo italiano varato questa estate per tentare di chiudere la stalla quando i buoi erano scappati, risulta ad oggi coinvolta nell’ inchiesta per favoreggiamento dell’ immigrazione clandestina che vede interessate parecchie ONG operanti nel mediterraneo.
Dopo quasi due anni dall’aver scoperchiato il vaso di Pandora relativo alle “poco chiare” operazioni di Caritas ed affiliate nei confronti del fenomeno immigrazione, ci rendiamo conto che la realtà è molto peggio di come l’avevamo immaginata.
Ogni giorno vengono alla luce nuovi misfatti.
Dati oggettivi, che raramente possono essere contestati, sono quelli che dimostrano sempre più spesso la commistione di tutte queste sedicenti organizzazioni “caritatevolmente lucrative” con il vero e proprio traffico di esseri umani che sta avvenendo nel mediterraneo.
L’ONG in questione , mentre lamenta tramite la propria portavoce l’assenza di interventi governativi ed europei nello scenario, risulta ampiamente finanziata sia dal governo italiano(tramite il ministero degli esteri, dei beni culturali e della pubblica istruzione) che dalla Comunità Europea (con un evidente incremento di fondi tra 2015 e il 2016).
A questo vanno aggiunti i contributi, ampiamente sbandierati, di “alti papaveri” della finanza e dell’ industria sia nazionale che internazionale quasi a trasformare di fatto la carità in una “membership” di un club esclusivo.
Un copione già visto si ripete stavolta usufruendo di una platea ben più ampia in barba alle
autorità nazionali ed ai codici di condotta.
Siamo pero certi che grattando via questa patina luccicante che avvolge soprattutto le più grandi organizzazioni, sia proprio li che risiede il marciume della cosiddetta accoglienza:niente altro che affari d’oro. Save the Children? No save the business!

Ferocemente

Il portavoce

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Venezia – Piazza San Marco

UN URLO PER L’EUROPA

 

L’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads oggi, con questa manifestazione, ha inteso lanciare un urlo.
Un urlo che squarci la buia notte della nostra Nazione e dell’ Europa intera, che riecheggi dall’ Atlantico agli Urali.
Un urlo contro coloro per cui l’immigrazione rende più della droga.
Contro coloro che mascherandosi da illuminati filantropi sfruttano una logica schiavista, per rimpinguare le loro già capienti casse.
Coloro che , tramite oscuri progetti di sostituzione dei popoli, cercano di perpetuare il proprio corrotto potere barattando diritti di cittadinanza con presunti bacini elettorali.
Coloro che ,per conto dei propri apolidi padroni, procurano manodopera a basso costo.
Coloro che ,paladini dei diritti dei lavoratori, ne plaudono il calpestio ed il livellamento verso il basso.
Coloro che ,causa delle stesse guerre fonte di rifugiati, predicano l’integrazione, soprattutto dei propri guadagni.
A tutti questi personaggi noi gridiamo in faccia il nostro disprezzo.
Questo urlo parte proprio da Venezia, centro metaforico d’Europa : noi non ce ne andremo in silenzio!!

NO IUS SOLI
BASTA INVASIONE

Ferocemente

il portavoce

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Comunicato Stampa

QUANDO LA POLITICA CONNIVENTE REGALA INTERI SPAZI ALL’ISLAM

 

Lonigo, li 6 Giugno 2017

 

Oltre agli ingentissimi danni anche la beffa.

Mentre in Europa le labili menti musulmane abbagliate dalle continue proiezioni mediatiche del califfo eseguono carneficine con cadenza settimanale, in Italia impazza la fobia di un possibile attentato (vedi Torino il 3 Giugno scorso).

In questo clima di tensione, nella ridente cittadina di Thiene, balza agli onori delle cronache la costruzione “improvvisa” di una vera e propria Moschea di proporzioni tutt’altro che modeste.

In realtà le amministrazioni comunali multi colore, susseguitesi negli anni, avevano dato il loro benestare per uno spazio di aggregazione in quella zona, comprese quelle che oggi vorrebbero condurre la battaglia di protesta, pur avendo pesanti e concrete responsabilità in merito.

Proprio questo errore, commesso dodici anni fa, ha permesso all’associazione culturale islamica “Il Futuro”di completare quasi interamente questo “Spazio di Culto” grazie al solito buonismo della politica progressista connivente: ciò ha dato la possibilità a questi individui di sfruttare un vuoto legislativo premettendo di camuffare nello statuto della loro associazione lo scopo aggregativo religioso con finalità sportive, tramutandosi così in una vera e propri Moschea che richiamerà fedeli da tutto il Veneto.

I cittadini Thienesi, lasciati totalmente all’oscuro dalle varie giunte susseguitesi in questi anni, hanno scoperto fisicamente cosa sta nascendo affianco a casa loro.

Ma all’attuale sindaco, come a nessun altro, tutto questo sembra non interessare, perché preferiscono di gran lunga un pugno di voti di individui allogeni(italiani solo sulla carta)e il consenso elettorale solleticando gli animi “Dem” vicentini, svendendo di fatto le nostra cultura e rinnegando le nostre radici, regalando spazi agli immigrati.

Ancor meno importa all’accozzaglia politica locale(e non)se il prossimo attentatore pronto a colpire transitasse da li, tanto il modo per sviare la cosa lo trovano sempre, o alla meno peggio si può sempre scrivere “pace” coi gessetti colorati per le vie e piazze Thienesi!

 

THIENESI, VICENTINI, ITALIANI !! SVEGLIATEVI !!

SUCCEDE TUTTO FUORI DALLA PORTA DI CASA VOSTRA !!

 

Ferocemente

 

Il portavoce 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Esser sempre forti e degni. Onore a Leon Degrelle!

ESSER SEMPRE FORTI E DEGNI ! ONORE A LEON DEGRELLE .

L’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads rivendica l’affissione avvenuta la notte tra il 30ed el 31 Marzo effettuata su alcune delle principali scuole superiori di Mantova e Modena.
Oggi, in quest’Europa ormai decadente dove le giovani generazioni faticano a trovare esempi da seguire che non siano omologati ai canoni del politically correct e che soprattutto trasmettano valori per cui continuare a credere e lottare , ricorre l’anniversario della morte del comandante belga Leon Degrelle.
Si spense nel 1994 in Spagna e ,fino ad allora, fu una testimonianza “scomoda” di fedelta’ ai propri principi e valori.
Durante la sua esistenza divenne prima giornalista, poi politico fondando il movimento “Rex” colquale denunciava la corruzione dell’allora classe politica in Belgio ed infine soldato.
La piu’ grande dimostrazione di umilta’ la diede arruolandosi volontario nelle Waffen SS Wallonie e si guadagno’ i gradi ascendendo fino a quello di generale, ottenuto nella primavera del ’45.
L’insegnamento trasmesso a noi giovani da questo “guerriero della fede” e’ di esser sempre forti e degni.

ETSI MORTUUS URIT – Seppur morto egli arde

Ferocemente

Il Portavoce

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Comunicato Stampa

DRESDA, LA LIBERTA’ GENERA MASSACRO
(Dresden, Freiheit erzeugt Massaker)

L’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads rivendica le affissioni sulle scuole superiori di Mantova, Modena e Correggio(RE) avvenute nella notte a cavallo tra il 13 e 14 del mese corrente.
Purtroppo Come accade ogni anno nella maggior parte delle scuole italiane nessun professore ricorda la strage di Dresda avvenuta il 13 e 14 di Febbraio 1945.

In questa nefasta data a causa dei bombardamenti degli Alleati persero la vita circa 200.000 persone.

Un’ atrocita’, questa, da inserire negli archivi della democrazia importata con le bombe e ,ancora oggi,tutti i morti inghiottiti da quella tempesta di fuoco chiedono giustizia in quanto nessuno ha mai pagato per questo crimine contro l’umanita’.

Percio’ nella giornata di San Valentino il nostro scopo e’ rimembrare questa strage di innocenti , con la speranza che in un futuro prossimo gli venga attribuita la memoria che meritano e condannando la “Tecnica del Massacro” degli eserciti “liberatori” .

Ferocemente

Il portavoce

 

Istituto Superiore Isabelle D'Este (Mantova)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Associazione Culturale Veneto Fronte Skinheads
- C.P. 12 36045 Lonigo (VI) vfs@libero.it